Facebook su W10M: La rivolta del Web

Da poche ore il team di sviluppo App di Facebook ha rilasciato le nuove versioni ufficiali di Messenger e Facebook che dovrebbero rimpiazzare le versioni beta precedentemente rilasciate. Se le beta avevano il pregio di mostrare un’alternativa alle App marchiate Microsoft, del suddetto Social Network, queste avevano comunque dei bug nella fluidità e nell’uso giornaliero. Uno dei bug più citati dagli utenti della community è il blocco totale del touchscreen durante l’utilizzo di Messenger e Facebook(Beta), che impediva di dare qualsiasi comando alle applicazioni, mentre il resto del telefono funzionava. Questo problema, per quanto fastidioso, era risolvibile tramite riavvio del dispositivo e non si ripresentava fino al passare di qualche giorno; invece la parte più fastidiosa stava nella mancanza di fluidità e nella presenza di Lag nell’applicazione.

Facebook ha deciso di rilasciare le due nuove versioni Ufficiali, con un piccolo Fix per risolvere il problema: mettere come requisiti minimi di RAM 2GB. Ovviamente la scelta del grande Social è solo un palliativo, visto che così facendo possono escludere i dispositivi con Hardware minore che probabilmente risentono di più, ma non risolve mica il problema. Infatti anche i dispositivi con 2GB di RAM o superiori manifestavano gli stessi problemi dei fratelli minori, portandoci a quella che è attualmente una situazione dove gli utenti manifestano rabbia e indignazione.

Le due applicazioni non sono mai state curate dal colosso dei Social, una prova di questo sta nel fatto che si sono limitati a fare un Porting delle applicazioni iOs mediante il Tool della OSMeta senza sviluppare una versione propria e adatta all’OS di riferimento. Bene, a nostro avviso, questa manovra è la stessa identica che è stata fatta poco più di 6 mesi fa ai danni di BlackBerry da Facebook.

Se non siete aggiornati sulla questione e non avete mai sbirciato qualche News riguardante la Mora, vi facciamo un piccolo sunto. Nel 2015 gli aggiornamenti dell’App Facebook avevano portato instabilità nella Community BlackBerry a causa del mancato funzionamento dell’App, ma il colosso giunge presto a spada tratta annunciando un futuro aggiornamento in prossimità di Marzo 2016. Gli utenti speranzosi si sono trovati a Marzo con l’applicazione ridotta a una comune Web-App, che se da una parte dava la possibilità di utilizzare alcune Features, dall’altra tagliava le gambe a sincronizzazione con il sistema, notifiche e quant’altro. Finito il riassunto, torniamo al nostro punto.

facebook-killer

La fine del marchio BlackBerry non è da imputare solo a Facebook, ma è stato di certo uno dei problemi principali che pressava e opprimeva i possessori dei suddetti dispositivi.

Di certo ci sta una certa complessità nello sviluppare da zero un’applicazione per OS Windows, ma il colosso dei Social ha mancato totalmente di interesse e sta contribuendo a creare malcontento nella Community di casa Microsoft.
Se da un lato questo fatto ha mobilitato gli utenti WP e WM, si sono sentiti in dovere di parlare anche gli utenti Android. Molti di questi ultimi che hanno letto la notizia hanno criticato aspramente la situazione, ma non criticando Facebook, bensì criticando la Microsoft e il suo OS. Ci sono comunque altri utenti Android che si sono schierati dalla parte di W10M considerando ridicolo che una ditta con miliardi di dollari in fatturato, non riesca a pagare un team di sviluppatori per creare un’App decente.

cattura

Nonostante i requisiti minimi attualmente non siano in vigore, una prova di questo è il fatto di poter installare l’applicazione sul Lumia 830 che monta solo 1GB di RAM, presto potrebbero essere resi effettivi. Speriamo che comunque Facebook ricalibri il tiro e si impegni nella collaborazione con Microsoft per fornire un’esperienza utente adeguata, visto che non esistono solo utenti con dispositivi fascia alta, ma anche fascia media e bassa. Per i dispositivi che non soddisfano i requisiti vogliamo rammentarvi che c’è ancora la possibilità di utilizzare le versioni marchiate Microsoft, rimanendo così in contatto con il vostro mondo Social.

Stampa
Mob Division Written by:

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Risolvi il captcha per dimostrare di non essere un BOT *